Giuseppina Ciuffreda

Utopista concreta


Questo sito raccoglie gli scritti di  Giuseppina Ciuffreda, giornalista scomparsa nel luglio del 2015. Voluto dalla sorella Anna per valorizzarne l’apporto professionale e realizzato con il contributo insostituibile del quotidiano “il manifesto”, non è un sito di memorie ma uno strumento di conoscenza per tutti coloro che hanno a cuore l’ecologia, le questioni di genere, i movimenti e la partecipazione democratica.

Dalle pagine del quotidiano “il manifesto” e di altre testate Giuseppina ha lanciato molti allarmi, ma anche buone notizie e ha fatto conoscere storie e idee di coloro che si battevano per ideali comuni. Dal crollo dei regimi comunisti  al grido per la salvezza del Pianeta, nelle sue parole c’è il racconto di un mondo che è cambiato. Ed è ancora in movimento.

Questo 2022

Cosa unisce una giornalista ecologista, una grande e sensibilissima poetessa e un giornalista intellettuale in queste pagine? Il ricordo. Sì il ricordo perchè quest’anno oltre alla pandemia, allo scoppio improvviso di una guerra nel cuore dell’Europa, ad una grave crisi climatica che si esprime in siccità ed eventi estremi, questo 2022 si è portato via anche Biancamaria Frabotta ed Aldo Garzia, l’una poetessa e protagonista a suo tempo del movimento femminista, l’altro appassionato militante e giornalista del Manifesto, nonchè custode della memoria per questo sito e nei molti libri che ha curato.

continua a leggere

WORK IN PROGRESS
Queste pagine verranno completate nel corso del tempo e si arricchiranno ogni mese nella sezione “scritti”. Potete contribuire inviandoci articoli, foto e video di Giuseppina Ciuffreda a redazione@giuseppinaciuffreda.it

Che ne pensi?

Lasciaci il tuo commento, o leggi i contributi degli altri.

Ambiente Viziato


Ogni mese vi proponiamo un articolo dall’archivio della rubrica Ambiente Viziato.

La civiltà degli alberi

Anni Settanta, un campeggio a Positano. Un’auto tedesca con piccolo rimorchio resta incastrata tra due alberi. Un lavorante non riesce a districarla e decide di tagliarne uno, il più piccolo. Orrore dei turisti che lo bloccano, riprendono possesso dell’auto e escono dopo una serie di manovre accorte. Anni Duemila, …
Leggi tutto